14 novembre 2018

SABATO 10 NOVEMBRE 2018 INAUGURATI GLI A.P.A. – ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI DELLA FONDAZIONE “VARNI AGNETTI”

Sabato 10 novembre 2018 sono stati inaugurati i nuovi  Alloggi Protetti per Anziani della Fondazione “Varni Agnetti” onlus alla presenza del Presidente di Fondazione Cariplo Sen. Avv. Giuseppe Guzzetti.

La struttura di nuova realizzazione, cofinanziata da Fondazione Cariplo, è stata intitolata al Sen. Giovanni Azzaretti, ed è costituita complessivamente da nr. 16 alloggi, distribuiti su una superficie lorda di circa 1.693 mq, per un totale di nr. 26 posti letto complessivi. E’ una struttura tradizionale al piano terra, con funzione di basamento, mentre ai piani superiori si è optato per un sistema a pannelli in legno lamellare tipo xlam.

Tale soluzione consentirà il raggiungimento di ottimi requisiti prestazionali, sia sotto il profilo strutturale, dato che la struttura è antisismica, sia sotto il profilo dei consumi energetici. La struttura è infatti un “EDIFICIO A ENERGIA QUASI ZERO” ai sensi dell’art. 6 del D.G.R. 6480 del 30/07/2015 ovvero un edificio ad altissima prestazione energetica. Il fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo sarà coperto in misura significativa da energia da fonti rinnovabili, prodotta in sito.
Esternamente è prevista un’area di parcheggio di circa 500 mq ed alcune aree verdi, per un totale di 529 mq, da destinare ad attività di giardinaggio e di ortocoltura da parte dei residenti.

Gli alloggi sono predisposti come monolocali e bilocali e articolati su tre piani fuori terra, con spazi adibiti a luoghi comuni e zone all’aperto, quali orti e giardini, a disposizione per lo svolgimento di svariate attività.

L’alloggio bilocale (n. 10) è composto da un soggiorno con angolo cottura, camera a due letti, bagno accessibile ad eventuale portatore di handicap per una superficie lorda di circa 62 mq, oltre il balcone esterno.
L’alloggio monolocale (n. 6 complessivamente) presenta una superficie lorda di circa 30 mq al piano terreno e circa 43 mq al primo e secondo piano, è composto da un angolo cottura ed un angolo con un letto, un bagno accessibile ed un balcone esterno (p1 e p2) o un piccolo giardino (pt).
Tutti gli appartamenti sono dotati di:
– Impianto videocitofonico di tipo IP;
– Impianto rete dati telefonica: per il corretto funzionamento degli impianti sarà necessario prevedere la connessione ad internet,
– Impianto di chiamata di emergenza: collegato all’impianto domotico e costituito da pulsanti di chiamata posizionati in ogni ambiente in prossimità del letto, del divano, della doccia, del WC e del tavolo e da un pulsante di ripristino in prossimità dell’ingresso della casa;
– Impianto domotico: l’impianto provvede alla gestione ed al controllo dell’impianto elettrico e degli impianti speciali della casa quali chiamata disabili, impianto videocitofonico, impianto di chiamata di emergenza. L’impianto domotico controllerà inoltre gli stati di allarme provenienti dai sensori che verranno installati nei locali, quali sensore di allagamento e presenza di gas dalla caldaia eventualmente presente. Verranno gestiti anche gli allarmi provenienti dal sensore di presenza installato nell’alloggio qualora non vengano rilevati movimenti all’interno dell’alloggio per più di dodici ore e gli allarmi provenienti dai contatti presenti su porte e finestre.

Sono presenti aree con Giardino e spazi comuni (sala da pranzo, sala comune con TV, spazi per attività di laboratorio e lettura, servizi igienici ad uso comune, bagno assistito, ecc.).

I principali SERVIZI disponibili:

  • assistenza medica, infermieristica e riabilitativa
  • telemedicina
  • prenotazione di visite specialistiche ospedaliere e prelievi del sangue
  • cura della persona
  • servizio di pulizia e sanificazione ambientale
  • servizio di animazione
  • attività ricreativa, gite
  • servizio parrucchiera/estetista
  • servizio di ristorazione
  • servizio lavanderia
  • assistenza fiscale
  • maggiordomo di comunità

• Impianto domotico
L’impianto provvederà al controllo ed alla gestione: degli impianti speciali, dell’impianto elettrico degli appartamenti (attivazione della linea prese dell’appartamento, accensione delle luci di cortesia e della ventilazione meccanica, apertura della porta), dell’impianto delle telecamere per il controllo accessi, dell’impianto videocitofonico e dell’impianto fotovoltaico (monitoraggio della produzione e corretto funzionamento dell’impianto).

L’impianto domotico controllerà inoltre gli stati di allarme, quali:
– allagamento degli appartamenti, della centrale termica e della lavanderia;
– fughe di gas dalla centrale termica;
– segnali dall’impianto di rilevazione incendi;
– l’impianto elettrico.

Verranno gestiti anche gli allarmi provenienti dal sensore di presenza installato nell’alloggio, qualora non vengano rilevati movimenti all’interno dell’appartamento per più di 2 ore oppure per un tempo determinato (il valore sarà personalizzato a seconda del tipo di alloggio e di residente).
Tale allarme viene remotato tempestivamente alle figure di competenza, incaricate di intervenire prontamente con azioni di assistenza e soccorso (ad es. medico, infermiere, ASA/OSS ecc).

Gli impianti speciali e l’impianto domotico, finalizzati alla sicurezza ed alla tutela dell’utente e ospite della struttura residenziale, sono strutturati per essere replicabili anche all’esterno dell’edificio in progetto, con l’intento di creare una rete di protezione integrata caratterizzata dall’utilizzo della domotica collettiva.

Questo intervento permetterà di:
o Mantenere la persona sul proprio territorio di residenza, rinforzando e arricchendo l’offerta dei servizi socio assistenziali locali, permettendo alla popolazione locale di rimanere nel proprio territorio di origine in un contesto nuovo ed innovativo, in cui coesistono in modo efficiente ed efficace l’autonomia abitativa della persona e la presa in carico in una rete assistenziale integrata;
o Garantire l’Autonomia dei residenti, in un alloggio sicuro, a cui si aggiunge la possibilità e la certezza di usufruire di protezioni aggiuntive ed assistenza in caso di bisogno.
o Facilitare la Socializzazione fra persone: offrire alle persone residenti dei minialloggi, le quali, è importante ricordarlo, provengono da situazioni di solitudine e disagio sociale, importanti ed ampie possibilità di socializzazione e aiuto fra i condomini, grazie anche alla promozione e organizzazione di numerose attività di animazione;
o Garantire la Sicurezza della persona: assicurando un comfort ambientale ad elevata tecnologia, in un contesto di sicurezza e controllo.
o Contrastare le situazioni di emergenza sociale: attraverso la collaborazione con i Comuni convenzionati del territorio garantendo una sinergia di forze e di intenti per gestire situazioni eccezionali di disagio sociale che interessano periodicamente soggetti svantaggiati e i Comuni in cui risiedono.
o Garantire la Sicurezza strutturale e il risparmio energetico: costruendo una struttura antisismica e riducendo la dispersione energetica tramite l’adozione di tecnologie innovative, contribuendo alla diminuzione dell’impatto ambientale grazie ad un significativo contenimento dei consumi.

MODALITÀ DI ACCESSO

L’accoglienza nell’Alloggio Protetto avviene con presentazione della domanda di accesso o prenotazione dell’alloggio, compilando l’apposita modulistica (da richiedere all’Ufficio amministrativo della Fondazione o scaricabile dal sito www.varniagnetti.it) che raccoglie tutte le informazioni di tipo anagrafico, sociale e sanitario necessarie ad una valutazione complessiva del bisogno del richiedente.
Per informazioni contattare il nostro Ufficio Amministrativo al numero 0383/940650 nei seguenti orari:
da LUNEDÌ a VENERDÌ: 8:30-12:30 / 14:30 – 17:00
SABATO: 9:00 – 12:00

tel. 0383/940650

info@varniagnetti.it

 

VIDEO INAUGURAZIONE A.P.A. ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI – FONDAZIONE “VARNI AGNETTI” ONLUS

© 2018 AB&A